Maria Cristina Carmina fb
Maria Cristina Carmina
MCC01
Artista autodidatta, nasce a Genova dove vive e lavora,
ha preso parte su invito ad importanti mostre collettive ottenendo premi e riconoscimenti.
Recensioni critiche sono state pubblicate su annuari e riviste specializzate.
Sue opere sono presenti in collezioni private in Italia e all'estero.
Dipinge immagini e sogni in prevalenza a tecnica mista,
descrivendo un'atmosfera evanescente ed impalpabile
che lascia a chi guarda una propria libera interpretazione.

Maria Cristina Carmina fa parte del associazione artistica internazionale:
www.calabrianelmondo.com

Mostra
Citazione Zenone

Tecnica Pennelli
Tecnica mista con uso di spatola/pennello

Supporti
Tela
Cartone telato
Compensato
Masonite
Fissaggio con vernice trasparente
Colori Anima Arte sotto i Portici 2015 (Bologna)
Personale "I colori dell'anima" Palazzo Ducale 2013 (Genova)
Rassegna Nazionale pittura e grafica
Galleria Coin d'Arte (Genova)
Centro Civico Castelletto (Genova)
Personale Galleria la Cittadella Rapallo (Genova) 1983
Mostra di pittura estemporanea 1983 (Genova)
Mostra di pittura estemporanea Campomorone 1984
Mostra al Centro Italo Americano 1990
Mostra collettiva Bogliasco in Arte 1997
Premio Nazionale pittura e grafica "Giovanni Gronchi" Pontedera
Personale Galleria Arte e dintorni 2001 di Pontedera
Collettiva "Sestri come Montmartre" Sestri Ponente 2003 (Genova) Con Lucio Dalla a Bologna
Artisti sul Naviglio Grande 2003 (Milano)
Il Duomo incontra l'Arte 2003 (Milano)
Collettiva Monterosso 5 Terre 2003 (La Spezia)
Collettiva città di Gorgonzola 2003 (Milano)
Artisti sul Naviglio Grande 2004 (Milano)
Monza Piazza Duomo 2004
Arte sotto i Portici 2004 (Bologna)
Trastevere in Arte 2004 (Vicenza)
Fiera Santa Caterina a Gorgonzola 2004 (Milano)
Artisti sul Naviglio Grande 2005 (Milano)Navigli
Arte sotto i Portici 2005 (Bologna)
Città di Lucca. Artisti dentro le mura 2005
Trastevere in Arte 2005 (Vicenza)
Fiera Santa Caterina a Gorgonzola 2005 (Milano)
Arte sotto i Portici 2006 (Bologna)
Artisti sul Naviglio Grande 2006 (Milano)
Trastevere in Arte 2006 (Vicenza)
Artisti a cielo aperto 2006 (Lucca)
Fiera Santa Caterina a Gorgonzola 2006 (Milano)Navigli con Linda
Artisti sul Naviglio Grande 2007 (Milano)
Arte sotto i Portici 2007 (Bologna)
Trastevere in Arte 2007 (Vicenza)
Fiera Santa Caterina a Gorgonzola 2007 (Milano)
Collettiva "Sestri come Montmartre" Sestri Ponente 2008 (Genova)
Monza Piazza Duomo 2008
Artisti sul Naviglio Grande 2008 (Milano)
Arte sotto i Portici 2008 (Bologna)
Trastevere in Arte 2008 (Vicenza)
Artisti sul Naviglio Grande 2009 (Milano)
Arte sotto i Portici 2009 (Bologna)
Collettiva "Sestri come Montmartre" Sestri Ponente 2009 (Genova)Con Maurizio Lastrico a Genova
Trastevere in Arte 2009 (Vicenza)
Fiera Santa Caterina a Gorgonzola 2009 (Milano)
Arte sul Naviglio 2010 (Milano)
Trastevere in Arte 2010 (Vicenza)
Arte sotto i portici 2010 (Bologna)
Collettiva "Sestri come Montmartre" Sestri Ponente 2010 (Genova)
Collettiva "Sestri come Montmartre" Sestri Ponente 2011 (Genova)
Arte sotto i portici 2012 (Bologna)
Trastevere in Arte 2012 (Vicenza)
Arte sul Naviglio 2013 (Milano)
Arte sotto i portici 2013 (Bologna)
Collettiva "Sestri come Montmartre" Sestri Ponente 2013
Informali18 Pittrice romantica, Maria cristina Carmina nei suoi lavori predilige dare spazio alla natura. Crea un'atmosfera viva tramite una colorazione calda che rispecchia le tinte dell'autunno, o la vivacità e la varietà dei colori della primavera nel momento in cui la natura riprende il pieno ritmo della vita.
Da un esame attento della sua opera si evidenzia che, nel panorama dell'arte contemporanea, così frammentato, quasi dispersivo, Carmina rappresente una sicurezza, una fiducia di permanere integri e superiori al tempo e alla sua nevrastenia. Ella racchiude interamente le tematiche del postimpressionismo, la sempre dichiarata esigenza di sincerità, che si concretizza pittoricamente attraverso uin gioco di macchie colorate, di luci e di ombre, così da rendere esattamente ciò che l'occhio percepisce nella reltà; e accanto alla verità la poesia del paesaggio. La dimensione cosmica della vita, che anima tutti i fenomeni affascinanti della natura, è liricamente resa da Carmina con un'acuta e intensa sensibilità poetica. Gli accordi musicali delle luci e dei colori, il ritmo che scandisce i rapporti spaziali e la morbida definizione delle forme sotto un cielo che palpita nella favola e nel mistero, come solo le opere dei poeti sanno fare.
I suoi ultimi lavori, frutto di passione e di ricerca, per la loro validità non hanno né moda né tempo; non c'è nulla di più moderno e di più antico della sua preziosa cromatica, delle sue sintesi, delle sue delicate modulazioni di colore, del suo lirismo.
I soggetti rappresenteti corrispondono essenzialmente a una realtà oggettiva anche se indeterminata, per cui la sua visione non è ripetizione di un'immagine osservata ma realizzazione oggettiva di intima sensibilità.
La luce e il colore dosati sapientemente dall'esperienza e dall'abilità di Maria Cristina Carmina, offrono sensazioni piacevoli e di serenità d'animo.


Mario Meozzi

Conosco Maria Cristina da anni che stimo da sempre per la sua pittura. Quello che apprezzo particolarmente è la coerenza di forma e di stile e un equilibrato cromatismo che si riscontra in tutti i suoi lavori.
La realtà è trasfigurata, secondo i canoni di uno stile surrealista, con una fantasia sempre controllata, dimostrando una conoscenza tecnica sicura ed una acquisizione del disegno e del colore incisivi ed efficaci alla cui base si intravede uno studio continuo.
La prima impressione che suscita uno sguardo meditato alle opere, è un senso di pace universale, una umanità serena espressa nella poetica di una personalità pura, che cerca di scoprire il sentimento delle cose e dei luoghi.
In questi spazi aperti e vibranti di colore a giusta dose, la pittura cerca di superare i limiti di una realtà troppo contingente per poterci poi suggerire, anche solo nella fantasia, il cammino dove l'uomo può ritrovare la pienezza della sua umanità, una pittrice con un valido passaporto per soggiornare a lungo nel mondo dell'arte.


Zenone
Il linguaggio pittorico di Maria Cristina Carmina, da qualche anno ormai entrata nell'agone del mondo artistico, si impone per doti tecniche, e soprattutto per la forza espressiva che la pervade e che trasmette l'eco della vita segreta delle cose.
E' una pittura che, pur muovendo da un concreto impianto grafico, viene trasfigurata nel gioco dell'emozione dell'artista. Nascono così immagini rarefatte, talvolta quasi surreali, una sensazione acuita dagli accenti altamente allusivi del colore. Sono visioni di largo respiro, ricche di evocazioni e richiami che si snodano sul filo della memoria e del palpito intimo del mondo circostante.
L'artista si dipana quindi, attraverso i suoi dipinti, un racconto altamente poetico, la cui voce è accentuata dalle sottili modulazioni cromatiche e dal senso di profondità spaziale da cui sono connotate talune composizioni di ispirazione campestre, nelle quali la natura vibra, di sapore fortemente espressionistico nel susseguirsi di alberi, rami, sullo sfondo di risonanze e trasparenze, acuite dal felice rapporto luce-colore.
Pittura dunque che, attraverso morbide stesure cromatiche, filtrate da evocative luminescenze, conduce l'osservatore a cogliere l'intimo afflato delle cose.


Anna Maria Secondino
Some years ago M. Cristina Carmina entered in the artistic world where her pictorial language stands out not only for the techniques but particulary for the expressive force which pervades her and which transmits the echo of the secret life of things.
It's a style of painting where, even starting from a tangible graphic base, the painter's emotions are transfigured.
Form the arise subtle images, sometimes almoust surreal, a feeling stimulated by the evocating accets of the colour.
Highly breathable visions, full of evocations and memories, winding along the memory and the intimate pulse of the surrounding world.
The painter unrolls, through her paintings, a highly poetical tale, enlightened by the light chromatic varaiations and by the sense of spatial depth from which some countryside inspirations are described, where the nature lives through the succession of tree, branches on the background of echo and transparency, highlighted by the perfect relationship of light and colour.
A way of paining that leads the observer, through a soft range of colour, to cath the intimate afflatus of things.




Anna Maria Secondino
Pittrice riservata, tanto che le di lei notizie biografiche sono molto scarne, anche se la qualità del suo lavoro e intensità della sua attività meriterebbero un maggior supporto informativo. Carmina, nata e cresciuta pittoricamente nell'aura del figurativo, non lo ha mai abiurato ne superato, ma ha avuto l'abilità di non pagare questa fedeltà alla "figurazione" - che poteva, come succede a molti, ingabbiare e limitare la sua creatività , mortificare la sua necessità espressiva e la sua interiorità - attraverso una rielaborazione ottica delle immagini, trasportando (e trasformando) queste dalla sfera del reale a quella della suggestione visiva, più magica che visionaria,immagini, meglio visioni transeunti piuttosto che dinamiche, come verrebbe da pensare dopo un primo esame superficiale.


Angelo Valcarenghi
Maria Cristina Carmina Contatti

Maria Cristina Carmina

Via Bocchella, 6
16145 Genova
Cell. 328 957 76 14


info@mccarmina.it
www.mccarmina.it
CatalogoCatalogo

Clicca sull'immagine a fianco
per visualizzare il catalogo
delle opere